La mia esperienza con Lenovo al MWC2018 – Parte 1

Sono stato selezionato da Lenovo per il programma Influencer and fan, ossia ho fatto parte del gruppo di 12 fortunati che hanno partecipato al Mobile World Congress di Barcellona. Un sogno.

Devo immensamente ringraziare per l’opportunità avuta. Abbiamo potuto godere di voli, albergo, pranzi e cene, eventi esclusivi, gadget e dispositivi. Tutto questo in ogni caso non segnerà il mio racconto e le mie prossime recensioni. Siamo stati esplicitamente invitati a raccontare tutto in completa sincerità.

Leggi la Parte 2

Premessa

Ben 8 anni fa fui invitato a Londra da Sony per il lancio di uno gioco e fu una grande sopresa. Questa volta lo è stato ancora di più, sia per la durata dell’esperienza, più di 3 giorni, che per l’evento di destinazione, il MWC.

Ancora mi chiedo come sia finito nella rete dei candidati, ancora non ho una risposta circa il motivo della mia selezione, ma mi sono goduto completamente l’esperienza, ho conosciuto un sacco di persone e ho potuto toccare un mondo che vedevo solo dalla Rete.

Domenica

Atterrato all’aeroporto El Prat di Barcellona vengo accompagnato all’Avenida Palace Hotel in pieno centro per l’evento dedicato i prodotti di realtà aumentata e virtuale di Lenovo, presentato da Matt Bereda, Vice President Global Consumer Marketing di Lenovo.

Ricevo allora il kit di benvenuto Lenovo Champions contenente diversi gadget – maglietta, quaderno, penna, mini cassa bluetooth, powerbank, auricolari, mini torcia LED – e il top gamma Motorola con il quale effettuare la copertura social dell’intero evento, il Moto Z2 Force! 6GB di RAM, super processore, 64GB di memoria interna. Ecco la scheda tecnica. Prossimamente pubblicherò la recensione di questo smartphone.

Per quanto riguarda l’evento, Matt Bereda ci ha presentato Star Wars: Jedi Challenges, kit con visore per realtà aumentata, controller a forma di elsa di spada laser e beacon di monitoraggio della posizione. Nel visore va inserito uno smartphone compatibile che, con un sistema di specchi, proietterà le immagini ai nostri occhi come se fossero disegnate nella realtà. Il gioco principale è ovviamente di combattimento, ma ne sono presenti altri, uno strategico e gli scacchi olografici. Devo dire che bisogna abituarsi un attimo alla visione e al visore stesso – io temo sempre che mi cada in avanti! – ma la sensazione è elettrizzante. Eccomi alle prese con i pretoriani (thanks for the photo, Dino!).

View this post on Instagram

#Barcelenovo #mwc2018 #lenovomwc

A post shared by Dino™ (@dinovdm) on

Gli altri due prodotti presentati sono il Lenovo Mirage Solo e la Lenovo Mirage Camera.
Il visore di realtà virtuale integra Google Daydream senza bisogno di collegare smartphone, computer o cavi, e ha in dotazione un piccolo controller con touchpad per il pollice e due tasti. Ho avuto la possibilità di provare la demo del gioco di Blade Runner: hanno dovuto fermarmi perché è così immersivo che ti viene naturale camminare per spostarti.
La videocamera, dotata di due obiettivi, permette di scattare foto e fare riprese – anche in streaming! – con effetto 3D. In combinazione con il visore è il top: immaginate di visualizzare con effetto tridimensionale lo streaming effettuato con la videocamera, sembrerà di essere lì. Testato, effetto fantastico.

Dopo il check-in all’Hotel Vincci Bit che ci ha ospitato durante tutta l’esperienza siamo andati a cena. Tapas!

In fase di aperitivo abbiamo avuto la possibilità di provare le Moto Mods, gadget dalle funzioni più disparate da attaccare magneticamente ai Moto Z, dalla mini stampante per produrre Polaroid alla fotocamera 360°, dalla cassa audio al mini proiettore. La mia preferita, più per utilità personale che altro, è la cassa JBL: ottimo audio e stanghetta per tenere lo smartphone in verticale, batteria da 10 ore di autonomia interna. Praticamente mia figlia può vederci un film.
Ho avuto finalmente anche la possibilità di provare un prodotto Lenovo fuori ormai da molti mesi, lo Yoga Book. Il mio cruccio è sempre stata la tastiera virtuale, così ho potuto testarla: sbaglia davvero poco, pensavo che con il mio stile di battitura avrei fatto un sacco di errori. E invece… Oggetto del desiderio. Sottilissimo, leggero. Spettacolo.

Il momento conviviale ha iniziato a cementare i rapporti tra noi influencer e fan e anche con il team Lenovo che ha gestito le nostre attività e gli spostamenti. A sentire un sacco di battute e sciocchezze – ma anche commenti intelligenti, suvvia – c’era una persona che non conoscevamo e che solo alla fine si è palesata come Jan Huckfeldt, Vice President & Chief Marketing Officer (CMO) Motorola in Lenovo, uno di quelli che si possono chiamare “pezzo grosso”. Ecco una diapositiva della cena.

View this post on Instagram

Dinner! #barcelenovo #lenovoMWC #mwc2018

A post shared by Oscar Zambotti (@oskarnrk) on

Leggi la Parte 2

Autore: Oscar Zambotti

Oscar Zambotti, nickname oskarnrk, 34 years old, living in Trentino, Italy. Random info: web and mobile developer, father, husband, TV shows and videogames addict, AC Milan supporter.

3 pensieri riguardo “La mia esperienza con Lenovo al MWC2018 – Parte 1”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...